ANTICIPAZIONI LEGGE DI STABILITA’ 2016, IMPRESE E CASA

legge stabilità 2016La manovra finanziaria 2016 licenziata dal Presidente Mattarella il 25 ottobre vale quasi 30 miliardi di euro e stabilisce le misure di politica economica da adottare per il prossimo anno. E’ confermata l’abolizione del pagamento di Imu e Tasi per la prima casa (ad esclusione delle prime case che rientrano nella categoria case signorili, ville e castelli), includendo i comodatari e gli inquilini che occupano un’abitazione a titolo di prima casa. Eliminata anche Imu sugli imbullonati (i grandi macchinari produttivi ancorati al suolo) purché rientrino tra i processi funzionali della produzione ospitata dal capannone, per l’Imu agricola cade la distinzione tra terreni in comuni montani e non, per entrambe l’imposta è cancellata a partire dal 2016 così come per i coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali proprietari del terreno. Novità anche per gli immobili invenduti dalle imprese costruttrici, è fissata all’1 per mille l’aliquota in detrazione con un tetto massimo consentito al 2,5 per mille.  

Nel campo dell’edilizia non vi sono variazioni per gli interventi di ristrutturazione rispetto al 2015, dunque la detrazione fiscale resta al 50%, fino ad un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. Confermato per il prossimo anno il bonus mobili e il credito d’imposta al 65% per opere volte a interventi di risparmio energetico o Ecobonus, per opere di efficientamento e risparmio energetico degli stabili (come installazione di impianti fotovoltaici, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, interventi sull’involucro). Detrazioni al 65% riguardano anche la posa in opera di schermature solari, nel limite dei 60.000 euro, per l’acquisto d’impianti di climatizzazione invernale alimentati a biomasse combustibili con limite a 30.000 euro.